foto cellulare free battery

I ricercatori dell’Università di Washington hanno sviluppato un telefono che non richiede batterie. Al momento è nella fase prototipale, il telefono base raccoglie la potenza minima dai segnali radio ambientali, per comunicare con una stazione base che effettua chiamate vocali. Secondo il team, un nuovo telefono consuma un’energia quasi nulla, costruito su un circuito stampato, è in grado di funzioni molto semplici – inviare, ricevere, effettuare e accettare chiamate e mettere in attesa i chiamanti.

In ricezione e trasmissione, nel microfono si verificano piccole vibrazioni per cui il microfono funziona anche da auricolare.
Il prototipo non trasmette propri segnali radio ma sfrutta l’incapsulamento all’interno del segnale radio trasmesso da una apposita stazione cellulare base per mezzo di una antenna che in trasmissione si occupa di codificare il discorso all’interno del segnale radio base ( incapsulamento )mentre in ricezione avviene il processo inverso, l’antenna in questo caso riceve il segnale radio codificato e lo converte in vibrazioni sonore che vengono poi trasmesse all’altoparlante del telefono.

L’utente deve premere un pulsante per passare da modalità di ascolto a quella di trasmissione. Il sistema ha ancora bisogno di circa 3,5 microwatt per funzionare e raccoglie questa energia dai segnali radio ambientali della stazione base a una distanza massima di 9 metri. Utilizzando una cella solare dalle dimensioni di un grano di riso per raccogliere la luce ambientale l’intervallo aumenta fino a 15 metri.

Il team sta anche lavorando su come codificare i messaggi e i video in streaming, e aggiungere un display con schermo a inchiostro a basso consumo energetico. Il video qui sotto mostra il telefono senza batterie in azione.

Fonte: University of Washingtonù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *